Due o tre cose che so di lei - G.Cipolla/L.Battaglia

opening: 11 dicembre, ore 18.30 - periodo: 11 dicembre 2008 - 12 febbraio 2009 - cura di: Sergio Troisi

Si apre l'11 dicembre 2008 da Nuvole Incontri d'Arte, negli spazi del settecentesco Palazzo Patricolo a Palermo, la mostra due o tre cose che so di lei. La mostra, ideata da Letizia Battaglia - forse oggi la più grande fotografa italiana - e Gaetano Cipolla, pittore, è il risultato di un lavoro cui ha preso parte anche Serena Barone, nel ruolo di modella / interprete per i due artisti. Il corpo dell'attrice – offeso, ostinato, dolente, in rivolta – è stato prestato alla scrittura delle immagini, siano esse fotografia o pittura, video o disegno.
Il titolo della mostra è quello del film di Jean-Luc Godard (Deux ou trois choses que je sais d'elle, 1966) nel quale la vita della protagonista, Juliette, si svolge in una Parigi bella e tragica divenendone in qualche modo la rappresentazione. Anche questa mostra offre allo sguardo dello spettatore una rappresentazione traslata di Palermo: la rappresentazione si carica di memorie della città con gli scatti degli anni bui di Palermo che Letizia Battaglia ha realizzato negli anni e che qui fanno da contro-canto alle pose di Serena oggi, mentre nell'atelier del pittore, in un'altra rappresentazione, semplici oggetti del quotidiano – la bottiglia di plastica e la sottoveste nera – intervengono accanto al corpo come elementi di una resistenza simbolica al dolore, alla paura, al degrado.La mostra raccoglie dieci fotografie di Letizia Battaglia, formato cm. 140 x 100, e venti opere, su tela e su carta di vario formato, di Gaetano Cipolla. Sarà inoltre proiettato, per la prima volta in Sicilia, il video di Letizia Battaglia Fine della storia (protagonista Serena Barone, musiche di Giovanni Sollima).

Con l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica
con il sostegno della Fondazione Banco di Sicilia
e del Centro studii e iniziative culturali Pio La Torre

  • Opere
  • Dal Catalogo
  • Biografia Artista

Palermo, Serena - Sergio Troisi - «Conviene allora prendere le mosse, per seguire i fili tessuti da Battaglia e Cipolla intorno a questa modella che è anche personaggio e figura (e a cui Serena Barone presta l'interpretazione di corpo e sguardo), dall'epilogo provvisorio del loro lavoro, affidato a simile oggetto simbolico: il drappo tricolore in cui la donna si avvolge...

Leggi tutto

Gaetano Cipolla

Palermo 1950. Vive e lavora a Palermo

Leggi tutto
next
prev

Sei qui: Home Exhibitions Exhibitions Due o tre cose che so di lei - G.Cipolla/L.Battaglia